Nella mia Puglia l’estate è arrivata!
Finalmente, sole, tintarella e tanta vitamina D, che a me da un carico di energia pura!
Le prime esposizioni al sole, però, devono essere gestite con grande attenzione; io, sebbene abbia una carnagione olivastra nelle prime due settimane scelgo una protezione 50, poi passo alla 30 e infine per il resto dell’estate procedo con mantenimento su 20FP.
Quando ero più giovane ad Agosto, ad estate inoltrata, mi concedevo un profumatissimo olio al cocco, ma l’età mi ha imposto di moderare e scegliere anche i prodotti giusti per la pelle.
Una regola importante alla quale mi sono sempre attenuta è evitare il make up in spiaggia. Nella mia pochette ho solo un buon balsamo per le labbra o burrocacao, creme solari e per il viso uso una crema con FP 50+ e un leggero pigmento colorato che mi conferisce uniformità all’incarnato.
Per evitare ogni dubbio ho chiesto alla dott.ssa Ilaria Tato’ qual è il protocollo più giusto da seguire in spiaggia per non farci cogliere impreparate:
– L’esposizione solare è​ ​vitale per il nostro organismo ma se eccessiva può’ arrecare danni irreparabili; per questo è importante esporsi gradualmente e con le dovute accortezze per ottenere una abbronzatura sana e duratura fino all’ autunno. Le radiazione emanate dal sole vengono filtrate dall’atmosfera, che facendo da filtro, assorbe la maggior parte dei raggi solari.​
– Un paio di settimane prima dell’esposizione l’ideale è fare un Trattamento Peeling per eliminare lo strato corneo superficiale composto da cellule morte, che non permetterebbero alla pelle di respirare durante l’esposizione solare, oltre che inficiare il tuo obiettivo di abbronzatura.​
– La prima volta che ti esponi al sole per un periodo prolungato ricorda di farlo gradualmente, e non nelle ore più calde della giornata.
– Acquista prodotti di qualità, creme solari con un fattore di protezione adeguato, a base di prodotti naturali e con principi attivi validi. Per evitare danni cutanei​ ​è fondamentale conoscere​ ​ il proprio tipo di pelle ( fototipo ) per scegliere il solare protettivo più idoneo .​ Durante le prime esposizione è consigliabile per tutto il FP 50+ , tale elevata protezione solare è raccomandata per tutta l’ estate per le carnagioni più chiare , le altre potranno passare al FP30.​
Non da ultimo dobbiamo ricordare che il sole stimola la vitamina D.
Una carenza di vitamina D provoca osteoporosi, stanchezza, affaticamento, malessere.​
Una sana alimentazione ed una corretta esposizione al sole potranno prevenire queste complicanze da carenza
di vitamina D.